28 maggio 2012

La Valle d'Aosta enoica sugli scudi anche secondo la prestigiosa rivista Decanter


Con molto piacere ospito un post dell'amico wineblogger Fabrizio Gallino (in arte blogger Enofaber) che mi ha segnalato questa notizia che fa ancora più crescere il credito internazionale dei vini valdostani. Curiosa coincidenza, entrambi i produttori di cui si legge in questo post sono stati premiati nelle prime due edizioni del mio sondaggio. Qualcosa vorrà pur dire...


La prestigiosa rivista anglosassone ha stilato la tradizionale classifica World Wine Awards 2012, in cui vengono premiati i vini più importanti ed apprezzati di tutto il mondo.

In Italia la Valle d'Aosta è rappresentata da ben due produttori: Les Cretes e Maison Anselmet (leggi qui).

La cantina di Aymavilles si porta a casa ben due medaglie d'oro con il Fumin 2008 (già considerato miglior vino autoctono a Bolzano lo scorso ottobre) e la Petite Arvine 2008. Questo risultato non fa altro che premiare la costanza e l'altissima qualità de Les Cretes, realtà oramai consolidata e trainante il settore vitivinicolo valdostano al di fuori dei confini regionali e nazionali.

Maison Anselmet invece conquista la menzione come vino raccomandato con lo Chardonnay Élevé en Fût de Chène 2010.

Insomma, un gran bel risultato per la piccola regione delle montagne, che indica come la strada intrapresa negli ultimi anni sia foriera di risultati soddisfacenti, a livello di critica e pubblico, sia in Italia sia all'estero

3 commenti:

Fabrizio Favre on 31 maggio 2012 13:18 ha detto...

Le aziende comunicano l'evento

Les Crêtes
DECANTER WORLD WINE AWARDS 2012 PREMIA CON DUE MEDAGLIE D’ORO LES CRETES

La celebre rivista britannica DECANTER ha assegnato nel corso della London Wine Fair, due medaglie d’oro alla cantina LES CRÊTES di Aymavilles per il FUMIN Valle d’Aosta DOP 2008 e la PETITE ARVINE Valle d’Aosta DOP 2011.

A livello regionale LES CRÊTES è stata l’unica azienda valdostana ad ottenere la medaglia d’oro e a livello nazionale l’unica a conquistare due medaglie d’oro.

Un prestigioso riconoscimento per la viticoltura di Les Crêtes, ancora una volta capace di affermarsi sulla scena internazionale con i vini autoctoni più rappresentativi del territorio.

Fabrizio Favre on 31 maggio 2012 13:18 ha detto...

E Maison Anselmet


La giovane Maison Anselmet
premiata da Decanter, ora guarda all'estero

Anche quest'anno hanno avuto luogo i Decanter World Wine Awards (DWWA2012), il più completo e autorevole riferimento per gli amanti del vino di tutto il mondo. Questa competizione di eccellenze, giunta alla 9a edizione, deve tanto successo al suo unico sistema di valutazione, basato su commissioni formate da giudici di caratura mondiale. I vini sono degustati alla cieca in gruppi suddivisi per regione d’origine e fascia di prezzo, in modo da tener conto dell’espressione di “terroir” e di categorie equiparabili. Ogni vino viene valutato individualmente e discusso da una commissione dedicata che formalizza un verdetto.
Le etichette in gara sono state più di 14.000 provenienti da 25 nazioni, sono state giudicate da 56 Masters of Wine e da 11 Master Sommeliers parte fondamentale di un già importante team di 200 critici e degustatori esperti ciascuno della propria regione. Per giudicare i vini in gara ci sono voluti 5 giorni ad aprile, il 22 maggio sono stati resi noti i risultati.
Giorgio Anselmet dell'omonima Maison riceve per la prima volta quest'anno due importanti riconoscimenti per i due vini presentati alla competizione con altrettante medaglie:
 Medaglia di Bronzo per Le Prisonnier 2009
 Menzione speciale per Chardonnay Élevé en Fût de Chêne 2010

Maison Anselmet è una realtà valdostana nata nel 2001 per volontà di Giorgio tenace vigneron di montagna. Anno dopo anno, con estrema dedizione e infinita passione Giorgio ha selezionato vigneti, ampliato la superficie coltivata e aumentato la produzione in termini quantitativi e qualitativi. Nel corso del tempo sono state introdotte innovazioni tecniche e tecnologiche, queste scelte coraggiose stanno “formando” una realtà di qualità e sempre votata alla crescita. La voglia di migliorarsi e di portare la propria produzione anche all'estero è alla base della scelta di presentarsi ai Decanter WWA2012, scelta che sicuramente risulta esser stata vincente visto l'interesse che si sta muovendo intorno a questa giovane, ma intraprendente cantina valdostana.
I più che apprezzati riconoscimenti di Decanter a livello internazionale arrivano a pochi mesi di distanza da quelli ricevuti sia in ambito nazionale, la Guida di Gambero Rosso, I Grandi Vini di Slow Wine, la Guida Oro dei vini di Veronelli, sia nel contesto regionale. Proprio quest’anno Maison Anselmet è stata votata come miglior Produttore di Vino Valdostano 2012, indice dell'apprezzamento di un lavoro sul territorio e per il territorio.

Fabrizio Favre on 7 giugno 2012 11:09 ha detto...

Les Crêtes rilancia con un occhio alle riviste di settore...


DECANTER WINE AWARDS 2012
MEDAGLIE D’ORO
PER FUMIN E PETITE ARVINE LES CRÊTES

La celebre rivista anglosassone Decanter punta i riflettori sugli autoctoni italiani: al WORLD WINE AWARDS 2012 escono vincitori due grandi vini Les Crêtes: il Fumin dop 2008 e la Petite Arvine dop 2011.

Il Fumin Les Crêtes vive oggi una fase di grande rilancio produttivo: è un’uva ricca di polifenoli, che lo rendono un vino dal colore quasi impenetrabile, e dai sentori speziati molto intensi e riconoscibili.

La Petite Arvine Les Crêtes, così chiamata per i piccoli acini che ne compongono il grappolo, è un’antica varietà valdostana a bacca bianca. Presenta una fragrante aromaticità, caratterizzata da sentori di frutta gialla e una particolarissima nota minerale, tratto distintivo del vitigno.

L'attenzione dedicata da Decanter alle varietà autoctone dimostra un interesse crescente verso l’originalità della produzione vinicola italiana: la Petite Arvine e il Fumin sono uve capaci di garantire la trasmissione del terroir, rappresentando una valida alternativa alle mode imposte dal mercato e contribuendo alla divulgazione del patrimonio enologico del nostro paese.

"Siamo molto orgogliosi per questo ulteriore riconoscimento- afferma Elena Charrère di Les Crêtes - che ci sprona a proseguire il cammino della massima qualità e conferma la bontà della filosofia aziendale per la valorizzazione del “terroir” con fedeltà e rispetto delle tradizioni".

 

© ImpresaVda Template by Netbe siti web