27 dicembre 2018

Luca Ciancietti (#Podium Enginering) ospite il 28 dicembre a #ImpresaVda su #RadioPropostainBlu

Carissimo visitatore, domani, venerdì 28 dicembre, alle 9,35, quindicesima puntata del nuovo ciclo di ImpresaVda su Radio Proposta in BluIn studio Luca Ciancietti della Podium Enginering

A circa un'ora dalla trasmissione della puntata puoi scaricare il podcast nell'apposita sezione sul sito di Radio Proposta in Blu.

Se non conosci ancora la radio ti ricordo le sue frequenze: Courmayeur 103.8 - La Salle 93.7 - Saint-Nicolas 107.6 - Aosta 107.8 - Saint-Vincent 107.4 - Bassa Valle 107.8 - Brusson 88.5 - Ayas 107.6 - Valtournenche 107.6 - Valle del Gran San Bernardo 107.6 e Valgrisenche 88.0. 

24 dicembre 2018

Buon Natale a Tutti!!!


20 dicembre 2018

Ezio Toscoz (#CooperativaProduttori LatteeFontina) ospite il 21 dicembre a #ImpresaVda su #RadioPropostainBlu

Carissimo visitatore, domani, venerdì 21 dicembre, alle 9,35, tredicesima puntata del nuovo ciclo di ImpresaVda su Radio Proposta in BluIn studio Ezio Toscoz, direttore della Cooperativa Produttori di Latte e Fontina

A circa un'ora dalla trasmissione della puntata puoi scaricare il podcast nell'apposita sezione sul sito di Radio Proposta in Blu.

Se non conosci ancora la radio ti ricordo le sue frequenze: Courmayeur 103.8 - La Salle 93.7 - Saint-Nicolas 107.6 - Aosta 107.8 - Saint-Vincent 107.4 - Bassa Valle 107.8 - Brusson 88.5 - Ayas 107.6 - Valtournenche 107.6 - Valle del Gran San Bernardo 107.6 e Valgrisenche 88.0. 

13 dicembre 2018

Approvatoil Bilancio di sostenibilità della #CogneAcciaiSpeciali

«Descrivere la nostra azienda e informare dipendenti e cittadini del livello di attenzione e dell’importanza degli investimenti che l’azienda pone in essere nei confronti dello sviluppo professionale dei Collaboratori, della loro salute, della loro sicurezza, del migliore utilizzo delle risorse e del contenimento dell’impatto ambientale, sono i motivi che ci hanno convinto della necessità di redigere il primo Bilancio di Sostenibilità 2017 della Cogne Acciai Speciali».

Con queste parole l’amministratore delegato della CAS Monica Pirovano ha aperto la conferenza stampa di presentazione della prima edizione del documento “che fotografa il presente, attraverso gli investimenti e le azioni posti in essere lo scorso anno, e proietta lo sguardo verso il futuro”.

«Durante l’elaborazione del Bilancio – ha sottolineato Pirovano –, pur conoscendone la portata, siamo rimasti anche noi sorpresi dal valore reale dell’impatto anche economico che la Cogne ha sulla Valle d’Aosta».

In particolare, come emerge dal documento disponibile sul sito web della Cas: le ricadute economiche sul territorio sono di oltre 74 milioni di euro, tra stipendi dei dipendenti, tasse amministrative e servizi erogati da fornitori valdostani, ossia circa 600 euro per ciascun residente in Valle.

A questo si aggiungono, per il 2017, quasi 15 milioni di investimenti, che salgono a circa 19 nel 2018, il 27% dei quali per il miglioramento dei livelli di salute e sicurezza.

«Tali tematiche – ha aggiunto Monica Pirovano – sono per noi da sempre estremamente importanti e assolutamente prioritarie, in considerazione del fatto che lo Stabilimento si colloca all’interno di un contesto urbanizzato come la città di Aosta e la Piana con cui ha condiviso la crescita e lo sviluppo, occupandone oltre mezzo milione di metri quadrati sui quali operano mediamente ogni giorno oltre 1.300 persone».

«E questo – ha aggiunto Pirovano - senza perdere di vista le sfide da superare per restare leader mondiali nella produzione di acciai inossidabili lunghi e proiettarsi a pieno titolo nel mondo dell’Industria 4.0. In tal senso, il 2017 è stato per noi un anno molto impegnativo. L’adozione di un nuovo modello organizzativo fondato sui principi della Lean Organization, ossia dell’organizzazione snella delle attività produttive e dei flussi di informazione, il proseguimento delle attività di riorganizzazione già in corso e l’ulteriore focalizzazione sui mercati delle specialties (prodotti più di nicchia) hanno comportato inevitabilmente la ridefinizione delle strutture aziendali e dell’approccio al lavoro».

Per affrontare un cambiamento di questa portata, non solo tecnologico, ma anche e soprattutto culturale, la Cogne Acciai Speciali ha potenziato i percorsi formativi mirati ad accrescere le conoscenze e le competenze del proprio personale e a elevare lo standard d’ingresso dei nuovi collaboratori, tanto che nell’ultimo triennio sono state quasi 3 mila le partecipazioni ai corsi dei dipendenti, con una media di oltre sei giorni di formazione per ogni collaboratore, inclusa la formazione obbligatoria.

In linea con questa scelta sono anche i progetti formativi rivolti ai ragazzi che hanno coinvolto, solo nel 2017, 21 studenti del Liceo classico, artistico e musicale di Aosta nell’ambito dell’Alternanza scuola-lavoro e 43 stage tra Garanzia Giovani e Progetto Formazione, 19 dei quali inseriti nell’organico aziendale.

Dal punto di vista della salute e sicurezza dei lavoratori, il dato più significativo riguarda gli indici di gravità e di frequenza degli infortuni che, nel 2016, per la prima volta si sono attestati al di sotto dei valori medi nazionali delle aziende siderurgiche con più di 250 dipendenti, migliorando ulteriormente nel 2017.

Per quanto riguarda infine l’ambiente, nel confermare che anche per lo scorso anno non si sono verificati superamenti dei limiti delle emissioni definiti dall’AIA, il rapporto pone particolare attenzione alla gestione delle risorse idriche.


«Lo Stabilimento di Aosta – ha spiegato l’amministratore delegato - utilizza l’acqua per molteplici funzioni, tra cui la produzione di vapore per usi tecnologici, il raffreddamento degli impianti nonché l’alimentazione della rete antincendio. Consapevole del riguardo con cui deve essere utilizzata questa ricchezza, la Cogne per ottimizzarne l’impiego adotta politiche finalizzate a ridurre l’impatto sulla falda attraverso sistemi di ricircolo con stazioni di rilancio e recupero, grazie ai quali è possibile ridurre al 16% l’emungimento di acqua dai pozzi rispetto al fabbisogno. E gli sforzi per migliorare queste prestazioni emergono anche dall’andamento del consumo di metri cubi d’acqua per tonnellata prodotta, che sono passati dai 53,4 del 2015 ai 47,5 del 2017».

«Il nostro auspicio – ha concluso Pirovano – è che la pubblicazione di questo rapporto aiuti a conoscere, un po’ più da vicino e da un punto di vista differente rispetto a quello più asettico dei numeri di bilancio, quali siano le azioni che quotidianamente mettiamo in atto per cercare di raggiungere gli obiettivi che prima vi ho presentato e il cui conseguimento costituisce un valore per tutta la nostra Comunità».



#AlfredoLIngeri (#Honestamp): «Sogniamo un polo della meccanica»

Questa settimana proponiamo l’intervista a Alfredo Lingeri della Honestamp. 

Possiamo dire che avete festeggiato i vostri primi 50 anni lavorando? 
Quest’anno abbiamo celebrato i 50 anni di attività, frutto di un lavoro portato avanti con tenacia per tre generazioni. Con mio padre nel 1968 a Hône, poi a Donnas in due unità produttive e, infine, sfruttando un’occasione offertaci dalla Regione Valle d’Aosta ci siamo insediati nello stabilimento dove operiamo ancora oggi a PontSaint-Martin. Abbiamo festeggiato questi 50 anni in una struttura della Brambilla a Verrès in quanto ci sembrava che questo vecchio stabilimento dove si era sviluppata l’attività del cotone poi trasformato in una unità scolastica poteva essere una riuscita sintesi tra industria e le future generazioni che verranno in seguito per sviluppare l’attività industriale nella nostra regione. Ci pareva una location delle più rappresentative sul nostro territorio.

In mezzo secolo la vostra attività è cambiata tantissimo… 
Oggi l’azienda è portata avanti dai figli Mirko e Simone e sicuramente dall’inizio dell’attività il percorso dell’Honestamp è stato anomalo rispetto a quanto avveniva in quegli anni. Io e mio papà con l’aiuto di un tecnigrafo e una matita abbiamo iniziato a progettare degli stampi, delle attrezzature inerenti alla nostra attività. In seguito dalla progettazione siamo passati alla costruzione e poi alla produzione di quanto progettato. Tutto questo nel tempo ci ha permesso di acquisire quella professionalità che oggi ci dà quell’atout in più attraverso il quale garantire quel servizio completo ai nostri clienti: dalla necessità dell’oggetto al suo sviluppo, alla progettazione dell’attrezzatura per renderlo costruibile fino alla sua definitiva costruzione. Io dico che diamo un servizio al nostro cliente dall’idea al prodotto finale.

Sicuramente ci sono stati momenti difficili: come li avete superati? 
Noi per carattere e abitudine siamo abbastanza attenti a non fare il cosiddetto passo più lungo della gamba e quindi questa nostra attenzione a non esporci troppo a volte può averci penalizzato perché non siamo riusciti a percorrere certe strade, però io mi immagino sempre una bilancia che ha un certo livello di stabilità, può essere più alto o più basso, ma se si rimane stabili si hanno determinate garanzie. Il piatto più alto può significare successi importanti, ma quando si scende le difficoltà possono diventare molto grandi. Il mantenerci in equilibrio è stata comunque la nostra fortuna.

Possiamo dare un po’ di numeri aziendali? 
Fra le 30 e 40 unità occupazionali. Quando abbiamo dei surplus produttivi ci avvaliamo della collaborazione di alcune aziende vicine del nostro settore e questo ci ha permesso anche di poter superare in maniera accettabile le eventuali eccedenze di richiesta dei nostri prodotti. Nei momenti di difficoltà facendo rientrare queste attività siamo riusciti comunque a mantenere inalterata la nostra potenzialità operativa.

Su quali mercati operate in questo momento? 
Il mercato dell’Honestamp è caratterizzato da un elevato livello di concorrenza. Oggi anche gli stati in via di sviluppo acquistano i macchinari che abbiamo noi, hanno possibilità di avere delle consulenze da tutto il mondo e quindi la concorrenza è molto spietata. L’unica cosa in cui ci differenziamo sono le professionalità che rendono leader l’attività aziendale e la celerità. L’essere concorrenziale dipende dalla velocità con cui si porta sul mercato un prodotto. Più nessuno vuole fare magazzino perché costa e, quindi, la produzione si sta avvicinando alla vendita. I tempi tra un passaggio e l’altro sono sempre più brevi e la velocità di realizzazione è determinante.

 Sul fronte dell’export qual è la situazione? 
Il nostro export è, purtroppo, legato al trasferimento delle aziende italiane all’estero. Alcune aziende hanno delocalizzato in Cina, Romania, Brasile, America, Francia, Germania ma non riescono a raggiungere in loco la qualità dei nostri prodotti e così noi continuiamo a fornire queste unità produttive.

Cosa vuol dire operare in un settore come il vostro in Valle d’Aosta? Più le gioie o i dolori? 
A volte mi chiedo se la Honestamp fosse nata in un distretto vicino a Torino o Milano cosa sarebbe oggi. Naturalmente vivere in Valle d’Aosta in particolare in questi ultimi periodi - dove la chiusura dell’Olivetti ha creato seri problemi e lo stesso quella di Fiat a Torino - ci porta ad avere delle grosse difficoltà di comunicazione e di presenza sui mercati nazionali e internazionali. Milano è una delle zone più proficue per avere contatti commerciali e la Valle d’Aosta è un po’ problematica in questo senso. I nostri clienti quando vengono in Valle sono entusiasti delle nostre montagne, dell’accoglienza che la gente offre loro, ma quando si ragiona sugli aspetti produttivi abbiamo difficoltà nel fare arrivare i materiali e nel rispedirli. Anche perché quando queste attività sono ridotte perché alcune aziende o si sono localizzate altrove o hanno chiuso i battenti ci troviamo in difficoltà.

Un sogno imprenditoriale da realizzare?
 Il sogno dell’Honestamp è quello di valorizzare il territorio. Honestamp fa parte di Confindustria Valle d’Aosta e questo le ha dato l’occasione anche di poter conoscere le potenzialità del nostro territorio, in particolare di Pont-SaintMartin dove l’attività d’eccellenza metalmeccanica è stata sicuramente molto forte perché le aziende che c’erano e che ci sono tutt’oggi hanno dato un grosso apporto sul fronte della tecnologia. Il sogno sarebbe dunque quello di creare un polo dove poter raccogliere tutte queste tecnologie di qualità e, operando in maniera comune, aggredire i mercati.

#AimarMatteo Impianti festeggia il quarantennale

Nata nel 1978, la Aimar Matteo Impianti compie quest’anno 40 anni. Si dice che i quarant’anni siano l’età della maturità e della consapevolezza, qualità che descrivono appieno questa azienda. Matteo Aimar inizia l’attività, è orgoglioso nel raccontare che il suo primo lavoro è stato “mettere in piedi l’impianto elettrico di una stalla”.

In pochi anni dalla sua costituzione, la Aimar Matteo Impianti inizia il suo rapidissimo processo di crescita. Nel 1996 entra in società il figlio Enrico, svolta che incide positivamente sull’azienda che, infatti, con un processo di diversificazione riesce a macinare una crescita ancora maggiore. Sono diversi i professionisti che nel corso degli anni hanno lavorato al fianco di Matteo ed Enrico per poi lasciare l’azienda per mettersi in proprio, ma ciò non ha fermato il percorso di espansione tanto che alcuni di essi sono diventati partner e fornitori.

Si spengono oggi 40 candeline, 40 come il numero di dipendenti che permettono alla Aimar Matteo Impianti di operare in innumerevoli settori quali: funiviario, centrali idroelettriche, cabine di trasformazione MT-BT, Elettrodotti Interrati in MT e Giunzioni MT, Revisioni funiviarie, Illuminazione e Distribuzione BT-MT, Impianti Termoidraulici, Impianti Fotovoltaici, Impianti elettrici civili e illuminazione locali, manutenzione ordinaria e straordinaria, nel settore alberghiero, nell’illuminazione pubblica e negli impianti Splinker e gruppi di pressurizzazione antincendio.

Per poter far fronte a tutto questo, l’azienda ha dovuto trasferire la sede, dalla storica di Pollein a quella attuale di Saint-Christophe. In virtù del trasferimento è stato possibile avere al proprio interno gli uffici amministrativi, il magazzino e soprattutto l’ufficio tecnico che può così seguire i progetti in tutte le sue fasi. La costante crescita, non solo in termini di grandezza ma soprattutto in termini di qualità e professionalità sono alla base di questo importante traguardo che l’azienda si trova a festeggiare.


Grande soddisfazione è espressa anche da Giancarlo Giachino, Presidente di Confindustria Valle d’Aosta,sono orgoglioso che Confindustria Valle d’Aosta possa annoverare al suo interno imprese come la Aimar Matteo Impianti. Ho avuto piacere in questi anni di vedere da vicino il lavoro prestato da quest’azienda, mi vengono in mente le cabinovie Staffal-Gabiet di Gressoney-La-Trinité, la Aosta-Pila, la nuova Monte Bianco a Courmayeur, solo per citarne alcuni. Anche a livello associativo, la famiglia Aimar si è sempre dimostrata attiva, in modo particolare ha dimostrato un’attenzione particolare ai propri dipendenti premiandoli, in occasione delle Assemblee annuali di Confindustria con il riconoscimento “Eccellenze al Lavoro”. Dietro un’azienda di successo, ci sono imprenditori di successo che, ogni giorno, a fianco dei propri preziosi collaboratori e dipendenti, fanno sacrifici e si impegnano per realizzare questo obiettivo. Per questo voglio congratularmi con la Famiglia Aimar per quanto raggiunto e realizzato, ma come si suol dire: che questo traguardo non sia un punto di arrivo ma un punto di partenza. Insieme alle meritate congratulazioni rivolgo quindi alla Aimar Matteo Impianti i miei più sentiti auguri per uno splendido futuro”.

Pierre Noussan (#Confidi Valle d'Aosta) ospite il 14 dicembre a #ImpresaVda su #RadioPropostainBlu

Carissimo visitatore, domani, venerdì 14 dicembre, alle 9,35, tredicesima puntata del nuovo ciclo di ImpresaVda su Radio Proposta in BluIn studio Pierre Noussan del Confidi Valle dìAosta. 

Sul Corriere della Valle in edicola puoi trovare l'intervista a Virginio Saulle della pizzeria Anema e Core di Quart. 

A circa un'ora dalla trasmissione della puntata puoi scaricare il podcast nell'apposita sezione sul sito di Radio Proposta in Blu.

Se non conosci ancora la radio ti ricordo le sue frequenze: Courmayeur 103.8 - La Salle 93.7 - Saint-Nicolas 107.6 - Aosta 107.8 - Saint-Vincent 107.4 - Bassa Valle 107.8 - Brusson 88.5 - Ayas 107.6 - Valtournenche 107.6 - Valle del Gran San Bernardo 107.6 e Valgrisenche 88.0. 

#Tecnocasa e il mercato immobiliare in Valle d'#Aosta

Lo staff di Tecnocasa ha presentato nei giorni scorsi ad Aosta un quadro piuttosto dettagliato dell’andamento del marcato immobiliare della nostra regione. Il consulente Tecnocasa Mario Chierchia, l’affiliato Agostino Nicotera e il consulente senior Kiron Partner Vincenzo Giambusso hanno offerto ai presenti un quadro completo del Gruppo che ormai dal 1986 è attivo sul mercato della mediazione immobiliare nazionale e non solo.
Gli esperti di Tecnocasa hanno riscontrato «un aumento delle richieste di acquisto ed anche di persone che scelgono l’affitto. Nell’area di Piazza della Repubblica chi acquista per investimento si indirizza su bilocali da 90 a 120 mila € che poi mette a reddito. Le famiglie cercano invece trilocali in buono stato; piacciono gli appartamenti in condomini degli anni ’60-’70, dotati di posto auto e situati in via Chambery e corso Battaglione Aosta. Nelle zone di corso Ivrea e Villa Chicco crescente domanda di immobili, grazie anche ai mutui agevolati della Regione che oggi coprono fino al 100% del valore dell’immobile (erogati per un importo massimo di 180 mila €). Il centro storico di Aosta registra per lo più acquisti di prima casa realizzati da persone che vivono già in zona e che si indirizzano sul trilocale». 

La tipologia maggiormente richiesta ad Aosta  è il  trilocale  (61,8%). La disponibilità di spesa concentra il 38,2% delle richieste nella fascia tra 170 e 249 mila €. La tipologia più presente sul mercato (offerta) è il quattro locali (48,6%). «Diminuisce – hanno precisato gli operatori -  il numero delle compravendite nel I semestre del 2018, in particolare in città in cui si registra un decremento del -20,9% rispetto al I semestre 2017. Segno leggermente negativo in provincia dove le transazioni diminuiscono del -0,5%. Anche sulle locazioni la città di Aosta mostra un lieve ribasso dei valori: -0,8% per bilocali e -0,7% per i trilocali (I semestre 2018 rispetto al II semestre 2017). I canoni di locazione medi registrati in città sono: bilocali 400 € al mese, trilocali 530 € al mese». 

Come sempre il gruppo offre un’analisi più dettagliata anche per quanto riguarda il capoluogo regionale e il mercato immobiliare turistico.


AOSTA
Nella prima parte del 2018 il mercato immobiliare di Aosta registra una contrazione dell’1,6%. Nell’area di Piazza della Repubblica chi acquista per investimento si indirizza su bilocali da 90 a  120 mila € che poi mette a reddito, ultimamente anche con affitti turistici.  Le   famiglie cercano trilocali in buono stato. Piacciono gli appartamenti in condomini degli anni ’60-’70,  dotati di posto auto e situati in via Chambery e corso Battaglione Aosta. In queste zone è ancora possibile parcheggiare. Per una soluzione in buono stato si spendono mediamente 1600-1700 € al mq. Su piazza della Repubblica i valori scendono a 1300-1400 € al mq. Non lontano sorge il quartiere Cogne che ospita immobili popolari (ex Aler ed ex Ina Casa), spesso privi di ascensore che si valutano 1200 € al mq da ristrutturare e 1500 € al mq se già ristrutturati. Le nuove costruzioni sono presenti soprattutto nel comune di Gressan dove ci sono appartamenti in villa acquistabili a 2500 € al mq. Continuano i lavori nell’area compresa tra corso Lancieri d’Aosta e viale Partigiani  interessata da un notevole sviluppo edilizio  e in via Chambery dove al posto dell’ex sede della Guardia di Finanza si costruiscono appartamenti immessi sul mercato a 4000 € al mq anche se in questo  momento la disponibilità di spesa di chi acquista il nuovo è di 2600 € al mq.  Nelle zone di corso Ivrea e Villa Chicco il mercato è vivace ed è caratterizzato da un aumento del numero delle richieste e delle compravendite grazie ai mutui agevolati della Regione che oggi coprono fino al 100% del valore dell’immobile e sono erogati comunque per un importo massimo di 180 mila €. Il centro storico di Aosta registra per lo più acquisti di prima casa realizzati da persone che vivono già in zona  e che si indirizzano sul trilocale. Si registra un lieve aumento dei valori per le soluzioni ristrutturate e signorili anche grazie agli interventi di riqualificazione che hanno interessato il centro storico, riportando alla luce importanti resti romani.  La zona più costosa e anche più ambita è quella del Cardo Massimo della città (via Aubert, via De Tillier, via Porta Praetoria e via Sant’Anselmo), dove ci sono soluzioni del XVII secolo, spesso con finiture di pregio (scale in pietra, affreschi e soffitti a volta) che ristrutturate costano 2600-2700 € al mq con  punte di 3000 € al mq che si toccano nella zona di piazza Chanoux. Prezzi più accessibili e per questo più  a misura di famiglia le abitazioni presenti nel quartiere Dora dove, una soluzione nuova, costa mediamente 1800-2000 € al mq. Apprezzate le case presenti in corso Ivrea e Arco d’ Augusto per la presenza di aree verdi e di parcheggio oltre che di attività commerciali.  Corso Ivrea si sviluppa nella prima periferia di Aosta e ospita condomini degli anni ’70, quasi tutti dotati di ascensore che, allo stato originario, costano 1300-1400 € al mq e già ristrutturati fino a 2000 € al mq.  Chi desiderasse soluzioni indipendenti può spostarsi nell’area di Villa Chicco con prezzi di  2500-3000 € al mq. Diversi i cantieri di nuova costruzione presenti in città. Tra questi ci sono quelli della zona collinare di Beauregard dove i prezzi raggiungono i 3000 € al mq e quelli presenti ad est della città dove si sta delineando un’area di sviluppo edilizio con abitazioni costruite con criteri di efficienza energetica e la possibilità di avere aree verdi al piano terra. I prezzi del nuovo si aggirano intorno a 2600 € al mq.  Positivo il mercato della locazione con una domanda elevata a cui non corrisponde altrettanta offerta. A ricercare la casa sono studenti e lavoratori fuori sede. Per un bilocale si segnalano canoni di 400-450 € al mese con punte di 500 € al mese nelle zone centrali. La domanda immobiliare nella zona Ospedale è vivace alimentata sia da acquirenti di prima casa sia da investitori. Non lontana dal centro storico e sviluppatasi intorno alle  vie Federico Chabod, XXVI Febbraio, via Zimmermann, via Guedoz, viale Ginevra e  via Roma offre immobili degli anni ’60-’70 che da ristrutturare costano 1500-1700 € al mq. Sono disponibili anche delle soluzioni di nuova costruzione in classe B a prezzi medi di 3200 € al mq. In aumento, negli ultimi mesi, la domanda ad uso investimento che ha per oggetto bilocali da ristrutturare su cui investire mediamente 100 mila €. Nei pressi della chiesa di Via Saint Martin si sono ultimati appartamenti  inseriti in un edificio riqualificato in classe ” A” con pannelli solari e fotovoltaici, cappotto da 14/16 cm, i cui prezzi partono da 2500 € al mq. Piace anche l’area collinare dove ci sono  soluzioni di taglio medio-grande (130-140 mq) costruiti negli anni ’80 e ’90, che adesso hanno quotazioni medie che si aggirano intorno ai 1700 € al mq per alloggi da ristrutturare e fino a 2300 € al mq per alloggi ristrutturati. Qui acquistano soprattutto coloro che intendono migliorare la qualità abitativa e sono alla ricerca di ampi tagli.  Sempre positivo il mercato delle locazioni con una domanda che proviene soprattutto da single, giovani coppie e dipendenti dell’Ospedale che ricercano in particolar modo il bilocale, mentre il trilocale è richiesto dalle famiglie: i canoni medi oscillano tra 400 e 500 € al mese e, anche grazie agli accordi territoriali del Comune di Aosta, si stanno stipulando soprattutto contratti a canone concordato.

LOCALITA’ TURISTICHE
Il mercato della seconda casa in Valle d’Aosta, con prezzi in diminuzione dell’1,7%, è dinamico nella prima parte dell’anno. A Cogne si segnalano sporadici acquisti da parte di stranieri in particolar modo belgi che si indirizzano su bilocali e trilocali dal valore non superiore a 300 mila €. Tra gli acquirenti italiani prevalgono i professionisti provenienti dalla Liguria, che scelgono il centro città dove i prezzi delle nuove costruzioni si aggirano intorno a 3000-3500 € al mq. Ci sono anche nuove costruzioni dal momento che sorge nel “Parco Nazionale del Gran Paradiso”. Gli amanti dello sci di fondo preferiscono le abitazioni nel centro della città dove ci sono le piste da fondo che saranno protagoniste a febbraio di due tappe della prossima “Coppa del Mondo”. In crescita l’attenzione alle spese condominiali e alla metratura dell’immobile al fine di abbattere le spese di gestione. Tra le frazioni preferite, soprattutto nel periodo estivo, c’è Lilaz (sede delle cascate) dove gli immobili di nuova costruzione costano 2800 € al mq.

Nella media valle di Valtournenche è Chamois, dove si arriva solo ed esclusivamente con la funivia,  ad essere più apprezzata e dove si ricercano  bilocali da 70 a 120 mila €, dotati di bella vista, spazio esterno, piste da sci e  costruiti in pietra e legno. Più difficile che si acquistino soluzioni degli anni ’70. A Chamois un buon usato costa 2000- 2200 € al mq.  Apprezzato anche Torgnon, importante centro sciistico dove,  per un buon usato, si spendono mediamente 2400-2600 € al mq. A Châtillon il mercato immobiliare è meno turistico, si cercano piccoli appartamenti da 60-70 mila € oppure villette a schiera e case indipendenti. Piace anche la zona collinare che permette di godere di vista panoramica e per il fatto che è sempre soleggiata. I prezzi vanno da 1400-1500 € al mq fino a 1600- 1700 € al mq.  Una delle case tipiche ricercate come casa vacanza sono i Rascard, casette indipendenti in pietra e legno, sviluppate su due piani (50 mq a piano) e dal valore intorno a 100 mila € se da ristrutturare e 300 mila € se ristrutturate. Quasi sempre necessitano di lavori di ristrutturazione e sono sottoposte a vincoli.

A Courmayeur si registra un buon andamento del mercato della seconda casa alimentato da acquirenti provenienti dalla Lombardia, dal Piemonte e anche da stranieri (inglesi, svizzeri, russi). Gli italiani si indirizzano su appartamenti, gli stranieri valutano anche soluzioni indipendenti. Nelle zone centrali i valori per le soluzioni da ristrutturare si aggirano intorno a 6000-7000 € al mq, mentre quelle ristrutturate oscillano intorno a 12-13 mila € al mq. Al momento le nuove costruzioni si ricavano da recuperi di vecchie aree già destinate a casa vacanza. L’elevata domanda di casa in locazione durante il periodo invernale determina una buona domanda di acquisti ad uso investimento. Per un bilocale di quattro posti letto si spendono 6000 € per l’intera stagione, 1800 € nella settimana di Natale e 1500 € in quella di Capodanno. Piace anche Verrand, frazione di Prè-Sant-Didier più vicina a Courmayeur di cui subisce l’influenza sui prezzi (10 mila € al mq). A Pré-Saint-Didier, Morgex e La Salle prevalgono gli acquisti di prima casa mentre la casa vacanza interessa coloro che non riescono ad accedere al mercato più costoso di Courmayeur. Una soluzione ristrutturata si aggira intorno a 4000 € al mq. In queste località le seconde case risalgono agli anni ’80  ed hanno prezzi più contenuti, 2200-2500 € al mq. La località che raccoglie più richieste di seconda casa è La Salle perchè più soleggiata.

La Valle del Gran San Bernardo ha registrato sostanziale stabilità nelle quotazioni come anche la Valpelline: entrambe le Valli appartengono alla Vallata del Grand Combin. Sono soprattutto acquirenti lombardi, liguri e valdostani a muoversi sul mercato ma, negli ultimi tempi, si segnala un certo interesse anche da parte di svizzeri. La disponibilità di spesa degli acquirenti italiani per acquistare piccoli tagli non supera i 200 mila €. Sempre più attenzione viene posta al contenimento delle spese condominiali.  Si prediligono le soluzioni vicine alle piste oppure vicine ai centri abitati e ai servizi. Il centro più importante è Etroubles un borgo storico del ‘700-‘800, composto da numerose frazioni, il cui centro è una zona pedonale dotata di negozi e dei principali servizi. Il centro storico offre le tipiche case valdostane indipendenti, realizzate in pietra e legno. Ad Etroubles una soluzione ristrutturata costa 2000 € al mq. Piace anche Saint-Rhémy-en-Bosses, che vanta la presenza di un piccolo comprensorio da discesa di oltre 22 km di piste. La parte più richiesta è quella vicina al “Crevacol”, dove una tipologia indipendente di buona qualità costa 1900-2000 € al mq. A Ollomont che vanta la presenza di una pista da discesa, per lo sci di fondo e lo snow park vicino allo skilift ci sono case tipiche di montagna in pietra e legno. Una soluzione in buono stato costa 1500 € al mq, una ristrutturata 2000 € al mq per arrivare a 2500 € al mq per quelle di nuova costruzione. Nella località turistica di Pila ci sono condomini di grandi dimensioni che non incontrano il favore degli acquirenti per le elevate spese condominiali. I prezzi medi sono di 2400 € al mq. Da segnalare la presenza di invenduto sia a Pila sia a Etrouble che si vende a prezzi medi di 2400 € e 2000 € al mq.

A Saint Vincent si registra un mercato vivace dovuto al fatto che i prezzi sono più vantaggiosi e quasi sempre, a differenza del passato, chi acquista lo fa per utilizzare la casa vacanza e non per metterla a reddito.  Acquistano prevalentemente famiglie alla ricerca di bilocali su cui investire meno di 100 mila €. Si scelgono appartamenti in condomini con basse spese condominiali e possibilmente su strade non rumorose. La cittadina piace per la presenza delle terme, del Casinò e per la posizione centrale all’interno della Valle. Si preferisce la zona centrale (via Chanoux, viale Piemonte, via Vuillerminaz, via Roma e viale IV Novembre) dove un buon usato degli anni ’60 costa intorno a 1000-1500 € al mq. Sempre in queste zone per una soluzione degli anni ’90 si spendono 1600-1700 € al mq, mentre per una degli anni 2000 il prezzo sale a 2000 € al mq. A ridosso del Casino si registrano prezzi medi di 1800 € al mq. 

Mercato positivo anche in Val d’Ayas: a Champoluc si sta procedendo al recupero di vecchi fabbricati ricostruiti con criteri di efficienza energetica e che si acquistano a prezzi medi di 3500 € al mq. La zona infatti non ha spazi edificabili avendo un Prg restrittivo. Champoluc piace soprattutto agli amanti dello sci perché appartiene al comprensorio del “Monterosa Ski”, ma l’apertura delle nuove terme sta attirando diversi turisti, soprattutto per affitti di breve periodo e sta “animando” la località anche durante gli altri mesi dell’anno. Piacciono gli immobili situati sulla Route Ramey dove si registrano le quotazioni più elevate: 4000-4500 € al mq per le soluzioni in ottimo stato per scendere poi a 3500 € al mq per le abitazioni che necessitano di interventi di ristrutturazione. A questo occorre aggiungere che Champoluc e tutta la Val d’Ayas  saranno interessati da un progetto che dovrebbe collegare gli impianti sciistici di Alagna, Gressoney, Ayas, Valtounenche e Zermatt dando vita al terzo più grande anello di sci al mondo.

12 dicembre 2018

Michele Poletti (#Hortobot): Agricoltura & Innovazione

Proponiamo questa settimana l’intervista a Michele Poletti della Hortobot, un’azienda innovativa che opera nel settore agricolo.

Il nome è un po’ oscuro...di cosa vi occupate?
Hortobot è un neologismo ricavato da due parole inglesi: orticoltura e robotica. Noi ci occupiamo di agricoltura 4.0 di precisione con una specializzazione, al momento, di orticoltura.

Come siete arrivati in Valle d’Aosta?
Il percorso che ci ha portato in Valle è stato abbastanza denso in quanto abbiamo valutato varie opportunità sia in Italia che all’estero dopodiché abbiamo scelto la Valle d’Aosta in funzione di tutta una serie di programmi di sostegno e di sviluppo che la Regione insieme ad altri enti del territorio offrono alle start up innovative.

Voi siete insediati presso la Pépinières…
Si, quella di Pont-Saint-Martin. Siamo un’azienda molto giovane in quanto ci siamo costituiti nell’agosto di quest’anno. Siamo ancora atipici nel panorama delle start up in quanto arriviamo già con delle fasi di valutazione, di studio di fattibilità e di prototipi che adesso stiamo ponendo in essere.

Voi pur essendo una start up non operate soltanto in Valle d’Aosta?
In quanto start up noi possiamo definirci come un competence center, cioè un centro di competenza che lavora su progetti e contenuti di livello nel senso che i programmi di ricerca e di sviluppo che svolgiamo insieme e in collaborazione stretta con enti di ricerca e anche con università. Per questi aspetti noi a tutti gli effetti abbiamo una presenza specifica sul territorio della Valle d’Aosta e rispetto ad essa riusciamo anche a catalizzare l’attenzione di enti e soggetti sparsi su tutto il territorio nazionale.

Come nasce la vostra azienda?
In America le start up nascono nei garage e noi ci siamo trovati in una situazione simile: quattro persone che si conoscevano da tempo, ridendo e scherzando hanno cominciato ad appassionarci a un prototipo, a un primo studio che uno dei soci, che possiede un’azienda agricola, aveva proposto un po’ provocatoriamente di realizzare. Da lì c’è stata una accelerazione e così da esigenze contingenti del socio agricoltore si sono aggregate e concretizzate specifiche competenze intorno al progetto che è nato rapidamente

Entriamo nel dettaglio: quali servizi offrite alle imprese agricole?
Noi ci rivolgiamo al settore primario e nello specifico al settore dell’orticoltura dove proponiamo alle aziende agricole macchinari e sistemi efficienti, sicuri e con ampie applicazioni in grado di gestire l’intero ciclo delle attività agricole, cioè dalla produzione alla gestione online dei dati per esempio per la certificazione biologica dei prodotti. Offriamo anche programmi di trasferimento della conoscenza e delle tecnologie basati su misure certe in grado di migliorare l’efficienza, la produttività e la sostenibilità. Aspetti molto importanti in quanto oggi parlare di strumenti a sostegno delle aziende agricole è un tema interessante, ma molto complesso e l’utente non ha facilità ad accedere a questi dati. Infine ci occupiamo di sistemi e modelli altamente innovativi per fare incontrare dal punto di vista digitale domanda e offerta.


Quali sono i vantaggi della vostra tecnologia?
La razionalizzazione e l’uso più efficiente delle risorse primarie, cioè acqua, suolo e l’energia. E’ bene immaginare la riduzione di CO2 e dei mezzi a gasolio con altri mezzi alimentati da energia elettrica prodotta da fonti rinnovabili come i pannelli solari. Ma non solo. Ognuno di noi passando in autostrada vede dei sistemi di irrigazione che inondano se non allagano porzioni di campi, noi siamo in grado con la nostra tecnologia di rilasciare l’esatto quantitativo di acqua alla pianta nello stato di crescita. Anche la riduzione di fitosanitari e fertilizzanti chimici sostituiti da tecniche di controllo delle erbe festanti in modo completamente naturale o meccanico. L’approccio dell’agricoltura di precisione consiste nell’ingegnerizzazione di macchinari innovativi che sfruttano il potenziale tecnologico di quella che potremmo definire una quarta rivoluzione industriale a tutti gli effetti. Tutte queste macchine ovviamente agiscono in un modo interconnesso e intervengono in una logica assolutamente utile nell’economia dell’azienda agricola.

Siete già entrati in contatto con gli imprenditori locali e quindi avete affrontato anche la sfida della montagna che non è da poco per la vostra tecnologia?
Esattamente. Oggi il percorso che ci ha portato a scegliere la Valle d’Aosta come luogo di incubazione è un percorso nel quale abbiamo avuto modo di stringere rapporti molto validi e interessanti con il territorio, con gli enti, le istituzioni e tutte le sue componenti in quanto la Regione pone in essere un modello importante nell’ambito dell’innovazione e delle start up. Proprio per questo noi abbiamo incontrato altissimi di specializzazione e di diversificazione che sono coadiuvati e sostenuti da un’efficace organizzazione centrale come è la Regione. La sfida alpina significa, giustamente, partire dal punto più difficile. Oggi i nostri macchinari riescono ad accettare, a differenza di altri, anche delle pendenze abbastanza importanti e quindi riusciamo a portare una redditività su suoli che normalmente non vengono approntati proprio per la morfologia dei terreni

 Iniziative da segnalare per il 2019?
Posso sicuramente dire che sarà un anno molto denso di impegni e di traguardi importanti. Quello che faremo e tutto quello che proporremo in una logica di trasferimento di competenze, tecnologie, know how e informazione sarà ospitato sul nostro sito che prossimamente rilasceremo e tramite il quale andremo a toccare argomenti di avanguardia per l’agricoltura di precisione 4.0 e non solo.

Sul rapporto con l’università si può dire qualcosa?
Ci sono dei rapporti importanti. Le novità ci sono e saranno nel quadro di quanto annunceremo via web

Un sogno imprenditoriale da realizzare?
Diffondere la consapevolezza del cibo sano, biologico, da dove proviene tra i bambini delle scuole. Credo che questo sarebbe l’apoteosi per un vivere e uno sviluppo migliore.

6 dicembre 2018

Mirko De Pascalis (#Pépinières) ospite il 7 dicembre a #ImpresaVda su #RadioPropostainBlu

Carissimo visitatore, domani, venerdì 7 dicembre, alle 9,35, dodicesima puntata del nuovo ciclo di ImpresaVda su Radio Proposta in BluIn studio Mirko De Pascalis del Team Pépinières d'entreprises. 

Sul Corriere della Valle in edicola puoi trovare l'intervista ad Alfredo Lingeri di Honestampa

A circa un'ora dalla trasmissione della puntata puoi scaricare il podcast nell'apposita sezione sul sito di Radio Proposta in Blu.

Se non conosci ancora la radio ti ricordo le sue frequenze: Courmayeur 103.8 - La Salle 93.7 - Saint-Nicolas 107.6 - Aosta 107.8 - Saint-Vincent 107.4 - Bassa Valle 107.8 - Brusson 88.5 - Ayas 107.6 - Valtournenche 107.6 - Valle del Gran San Bernardo 107.6 e Valgrisenche 88.0. 

29 novembre 2018

Alessio Nicoletta (#Coldiretti): «Il portale del socio sarà la grande novità del 2019»

Da sinistra il direttore di Coldiretti Richard Lanièce, il Presidente nazionale Ettore Pradini e quello Regionale Alessio Nicoletta
Questa settimana proponiamo l’intervista a Alessio Nicoletta, nuovo Presidente di Coldiretti Valle d’Aosta.

Oltre che un passaggio di testimone quello tra lei e Balicco è anche un passaggio generazionale…
Un passaggio condiviso su tutti i fronti, dal presidente uscente, dalla struttura regionale e da Coldiretti nazionale. Il vero passaggio sta nell’investimento sul lavoro di squadra a 360° partendo prima dal consiglio e poi passando alla giunta. Abbiamo cercato di creare un’equipe dinamica, molto eterogenea che rappresentasse con spirito e competenza tutti i settori agricoli.

Nel mondo agricolo stanno crescendo i giovani imprenditori. Questo fa ben sperare…
A livello nazionale si registra un boom di giovani imprese agricole. Da uno studio Coldiretti ci risulta che quasi un’impresa, condotta da under 35, su dieci (8,4%) opera in agricoltura. Le difficoltà a livello regionale sono diverse, ma segnali incoraggianti ci sono anche sul territorio - vedi campagna amica.

Dal suo osservatorio qual è lo stato di salute del settore?
E’ un momento particolarmente delicato per il mondo agricolo valdostano, dove alle già numerose difficoltà di lavorare in un territorio complesso con elevati costi di gestione e risicati margini di guadagno si sono aggiunte le incertezze e problematiche collegate al mondo degli aiuti pubblici al settore. Al punto che troviamo aziende in gravi difficoltà di liquidità, spesso indebitate con gli Istituti bancari anche per l'ottenimento di anticipi sui contributi spettanti. Credo che tutti debbano, ognuno per le sue competenze, lavorare per semplificare il sistema. Spesso ci si scontra con problematiche e anomalie dei sistemi informatici nazionali che non riconoscono le peculiarità delle produzioni agricole valdostane. Questo sistema va superato con procedure semplici e con tempi certi, in alternativa il sistema agricolo rischia il collasso.

Qual è il ruolo di Coldiretti nello scenario italiano?
Ho avuto l’opportunità di partecipare al 17° Forum internazionale dell’agricoltura e dell’alimentazione organizzato da Coldiretti a Cernobbio (Como) lo scorso 19 e 20 ottobre. Questo forum ha sancito inequivocabilmente la vocazione, della più grande organizzazione di rappresentanza agricola, ad affrontare a tutto tondo i temi che interessano gli agricoltori e che possono influire sulla vita delle imprese, con l’obbiettivo di rendere gli agricoltori sempre più attori protagonisti all’interno della filiera.

E in quello valdostano?
L'Associazione Agricoltori - la Coldiretti ha sempre rappresentato un punto di riferimento per il mondo agricolo valdostano, in questa fase delicata bisogna poter guidare il cambiamento che la nostra organizzazione dovrà affrontare offrendo agli agricoltori valdostani una casa moderna in cui poter trovare sempre risposte concrete, assistenza e soddisfazioni.

Ci sono dei temi che riguardano l’agricoltura che dovrebbero entrare nell’agenda politica?
Assolutamente si! primo fra tutti il nuovo piano di sviluppo rurale. Attendiamo con impazienza l’apertura di un tavolo di lavoro permanente che indirizzi la discussione del nuovo PSR su casi reali e sulle problematiche dell’attuale programmazione, il tutto in un’ottica di semplificazione delle procedure. L’obbiettivo dei tavoli è quindi di ottenere uno strumento, PSR, su misura per le realtà
agricole valdostane. Altri aspetti fondamentali che dovrebbero rientrare nell’agenda politica sono: chiaro riconoscimento dell’emergenza legata ai danni da fauna selvatica; necessità di completare, in tempi celeri, i pagamenti dei contributi attesi dal mondo agricolo; non dobbiamo però dimenticarci della valorizzazione dei prodotti agricoli valdostani.

Ritornando alla nomina si tratta ovviamente di una passaggio nel segno della continuità ma immagino che lei porterà anche un suo contributo personale come presidenza. Quale sarà?
Come detto in precedenza credo molto nel lavoro di squadra, oggigiorno l’agricoltura sta diventando estremamente specializzata/complicata e quindi per avere un quadro dettagliato delle diverse questioni diventa particolarmente difficile. Per questa ragione abbiamo scelto di costituire delle commissioni ad hoc settore per settore (zootecnico, vitivinicolo, ortofrutticolo e agrituristico). Queste commissioni sono composte dai nostri associati ed hanno l’obbiettivo di affrontare ogni singolo aspetto; permettendo un confronto rapido, reale e puntuale delle diverse questioni aperte ottenendo un’analisi e un punto di vista chiaro della situazione.

Novità da segnalare per il 2019?
C’è un progetto di carattere nazionale di Coldiretti delle attività dell’impresa agricola: il Portale del Socio, ovvero una piattaforma informatica che accelera e semplifica la normale amministrazione dell’azienda agricola. All’interno di questa piattaforma, oltre ad una serie di informazioni aggiornate in campo agricolo, vi ritroviamo dei servizi come il Quaderno di Campagna Digitale, strumento fondamentale per una più corretta gestione degli appezzamenti con anche la possibilità della registrazione dei trattamenti tramite smartphone. Inoltre il Quaderno di Campagna Digitale
semplifica anche la domanda PAC riducendo il rischio di errori e tagli ai premi comunitari. Un altro servizio fondamentale all’interno del portale è quello relativo alla fatturazione digitale con un sistema di gestione integrato con gli uffici Coldiretti al fine di ridurre anche i tempi di presenza negli uffici per la consegna della documentazione.

Un sogno associativo-imprenditoriale da realizzare?
E’ da poco che rivesto questo ruolo e sono consapevole che tanti sono gli aspetti da considerare, però mi sento di poter affermare che bisogna fortemente credere nell’agricoltura valdostana perché ha un potenziale enorme, purtroppo spesso ancora in parte inespresso. Importante è favorire le relazioni tra gli agricoltori e tra tutti gli altri attori presenti sul territorio al fine di trarne un beneficio comune e contribuire alla difesa e valorizzazione del nostro fondamentale e strategico settore. 

Stefano Trèves (#Edilizia) ospite il 30 novembre a #ImpresaVda su #RadioPropostainBlu

Carissimo visitatore, domani, venerdì 30 novembre, alle 9,35, dodicesima puntata del nuovo ciclo di ImpresaVda su Radio Proposta in BluIn studio Stefano Trèves dell'omonima azienda edile. 

A circa un'ora dalla trasmissione della puntata puoi scaricare il podcast nell'apposita sezione sul sito di Radio Proposta in Blu.

Se non conosci ancora la radio ti ricordo le sue frequenze: Courmayeur 103.8 - La Salle 93.7 - Saint-Nicolas 107.6 - Aosta 107.8 - Saint-Vincent 107.4 - Bassa Valle 107.8 - Brusson 88.5 - Ayas 107.6 - Valtournenche 107.6 - Valle del Gran San Bernardo 107.6 e Valgrisenche 88.0. 

22 novembre 2018

Virgilio Saulle (#Anema&Core) ospite il 23 novembre a #ImpresaVda su #RadioPropostainBlu

Carissimo visitatore, domani, venerdì 23 novembre, alle 9,35, undicesima puntata del nuovo ciclo di ImpresaVda su Radio Proposta in BluIn studio Virgilio Saulle della pizzeria Anema&Core

A circa un'ora dalla trasmissione della puntata puoi scaricare il podcast nell'apposita sezione sul sito di Radio Proposta in Blu.

Se non conosci ancora la radio ti ricordo le sue frequenze: Courmayeur 103.8 - La Salle 93.7 - Saint-Nicolas 107.6 - Aosta 107.8 - Saint-Vincent 107.4 - Bassa Valle 107.8 - Brusson 88.5 - Ayas 107.6 - Valtournenche 107.6 - Valle del Gran San Bernardo 107.6 e Valgrisenche 88.0. 

19 novembre 2018

ABC dell'import export

La Chambre valdôtaine, attraverso il suo Sportello per la Promozione l’Internazionalizzazione e l’Innovazione SPIN2, in gestione associata con Unioncamere Piemonte e nell’ambito delle attività della rete Enterprise Europe Network (EEN), organizza per martedì 4 dicembre un workshop finalizzato a fornire  indicazioni pratiche agli operatori economici che intendono lavorare con l’estero.

L’avvio del processo di internazionalizzazione della propria attività economica costituisce per l’imprenditore una fase delicata che pone numerosi interrogativi. La gestione delle operazioni commerciali con l’estero implica infatti l’analisi di diversi aspetti legali, fiscali e doganali, aspetti che sono affrontati nella nuovaguida online della collana "Unione europea. Istruzioni per l'uso" intitolata ABC dell’import exportrealizzata da Unioncamere Piemonte con il contributo degli Esperti in commercio internazionale del Centro Estero per l’Internazionalizzazione del Piemonte – Ceipiemonte.

Nel corso della mattinata verranno affrontati aspetti più generali riferiti a tutti i settori merceologici legati alle vendite all’estero. Questa parte del workshop si inserisce nelle attività del progetto EasyExport, promosso da Unioncamere e da Co.Mark (Gruppo Tecnoinvestimenti), azienda specializzata in servizi di temporary export management. Il servizio si rivolge alle PMI che vogliono intraprendere un percorso di internazionalizzazione.

Nel corso del pomeriggio sarà effettuato un focus più specifico  sugli adempimenti per le imprese del settore agroalimentare interessate ad esportare i propri prodotti nel mercato statunitense. Questo tema è sviluppato in collaborazione con l’AUSL Valle d'Aosta, S.C. Igiene Alimenti di Origine Animale.

Per aderire all’evento occorre compilare il modulo allegato e inviarlo allo Sportello SPIN2 via e-mail (sportellovda@pie.camcom.it) entro le 12 di lunedì 3 dicembre 2018.
La partecipazione all'evento è gratuita e le adesioni saranno accettate secondo l'ordine di arrivo.
Crediti ECM per agronomi in fase di definizione.

Come finanziare le #startup: #credito ed equity #crowdfunding

«Come finanziare le startup: credito ed equity crowdfunding» è questo il titolo dell'incontro organizzato presso le Pépinières d’entreprises di Aosta, mercoledì 21 novembre, alle 10.
L’incontro, organizzato insieme a Banca Etica e StarsUp, avrà come obiettivo la presentazione delle opportunità di finanziamento delle imprese startup: capitali di rischio e capitali di credito. Rappresenta pertanto una importante opportunità di esplorazione di uno strumento di finanziamento innovativo che può essere utilizzato dalle startup per risolvere i problemi di accesso al credito con quali si devono confrontare tutte le nuove realtà imprenditoriali.
Questo il programma dell'incontro: Introduce e modera Carlo Boccazzi Varotto, Incubation manager - Pépinières d’entreprises. Presentano e dialogano: Lorenzo Vinci, Banca Etica, Matteo Piras, Amministratore Delegato – StarsUp, Fabio Malanchini, Ecomill s.r.l. e Sentieri Accessibili, Startup innovativa. La partecipazione all’evento è gratuita, per informazioni scrivere a info@pepinieresvda.eu

15 novembre 2018

Confindustria Valle d'Aosta e la Sezione Edile in visita al Cantiere della #Tav sul versante francese


Il 14 novembre una delegazione di Confindustria Valle d’Aosta e della Sezione Edile di Confindustria Valle d’Aosta ha raggiunto il cantiere di Saint-Martin-La-Porte, nella regione della Savoia in Francia, per osservare direttamente lo stato di attività dello scavo per la realizzazione del tunnel euroalpino della Torino – Lione, in occasione della visita organizzata da Confindustria Piemonte.
A Saint Martin La Porte è stata realizzata, nella prima fase di attività tra il 2003 e il 2010, una discenderia ed è attualmente in corso lo scavo di un tunnel geognostico che rappresenta, per asse e diametro, i primi 9 km del futuro tunnel di base del Moncenisio. L’avanzamento di questo scavo è arrivato al completamento dei due terzi dei lavori programmati e procede al ritmo 18 mt al giorno in direzione dell’Italia.

«Abbiamo accolto con piacere - ha spiegato il Presidente di Confindustria Valle d’Aosta Giancarlo Giachino - l’invito di Confindustria Piemonte a partecipare a questa visita. Come ben sottolineato dal collega Presidente Ravanelli, Confindustria ritiene fondamentale quest’opera per la competitività del nostro paese nelle sfide future del paese. È fondamentale incontrare chi opera a vario titolo in questo cantiere, confrontarsi e capire a fondo quale impatto, un’opera del genere, può generare negli anni. Parlando con le persone è evidente come ci sia troppa disinformazione. Ci siamo trovati in un cantiere che impiega oltre 400 persone, ci è stato spiegato che è stato superato il 15% del totale degli scavi, pari a 25 km dei 162 previsti. Si tratta di un’opera che non riguarda solo il Piemonte, ma riguarda tutto il tessuto produttivo nazionale. Anche Confindustria Valle d’Aosta vuole ribadire il proprio sì al TAV e dicendo questo voglio riprendere le parole del Presidente Ravanelli che trovo estremamente significative definendo il TAV quale strumento per connettere persone e merci all’Europa e al mondo, per rendere competitivo il trasporto di merci su rotaia contribuendo a diffondere una cultura ecologica e per sostenere la nostra industria manifatturiera nella competizione sui mercati internazionali».

Anche la Sezione Edile di Confindustria Valle d’Aosta sostiene che la Tav è un progetto importante non solo per l’Italia e la Francia, ma anche per l’Europa. Il progetto è in corso ed è indispensabile che tutte le parti mantengano i loro sforzi per completarlo in tempo.


«A dicembre - si legge in una nota diffusa da Confindustria - devono partire le gare d’appalto, altrimenti scatta il tassametro e ci sarà un danno erariale pari a 75 milioni di euro al mese di finanziamenti europei persi. Chi risponderà di questo? Gli edili confindustriali chiedono che non si fermino i cantieri, in quanto sulle scelte strategiche non è possibile derogare. L’obiettivo è comune a imprese e lavoratori edili, la Tav è un progetto che può far ripartire il lavoro nel settore più duramente colpito da una crisi decennale».


Alla visita presso il cantiere di Saint Martin La Porte hanno preso parte, oltre alla delegazione valdostana: Fabio Ravanelli, Presidente di Confindustria Piemonte e dell’Associazione degli Industriali di Novara, Dario Gallina, Presidente dell’Unione industriale di Torino, Andrea Amalberto, Presidente dell’Unione industriale di Asti, Patrizia Paglia, Presidente di Confindustria Canavese, Umberto Locatelli, presidente dell’Unione industriale del Verbano Cusio Ossola, Giorgio Cottura, Presidente di Confindustria Vercelli Valsesia e la rappresentanza di Ance Piemonte.

Alfredo Lingeri (#Honestamp) ospite il 16 novembre a #ImpresaVda su #RadioPropostainBlu

Carissimo visitatore, domani, venerdì 16 novembre, alle 9,35, decima puntata del nuovo ciclo di ImpresaVda su Radio Proposta in BluIn studio Alfredo Lingeri della Honestamp

A circa un'ora dalla trasmissione della puntata puoi scaricare il podcast nell'apposita sezione sul sito di Radio Proposta in Blu.

Sul Corriere della Valle in edicola trovi invece l'intervista a Michele Poletti della Hortobot, parleremo di innovazione nell'agricoltura. 

Se non conosci ancora la radio ti ricordo le sue frequenze: Courmayeur 103.8 - La Salle 93.7 - Saint-Nicolas 107.6 - Aosta 107.8 - Saint-Vincent 107.4 - Bassa Valle 107.8 - Brusson 88.5 - Ayas 107.6 - Valtournenche 107.6 - Valle del Gran San Bernardo 107.6 e Valgrisenche 88.0. 

9 novembre 2018

Il Presidente di Confindustria Valle d’Aosta ha incontrato l’Assessore #Aggravi in merito alla situazione del #Casinò


Il 6 novembre, il Presidente di Confindustria Valle d’Aosta, Giancarlo Giachino, e il Responsabile Ufficio Relazioni Industriali, Marco Lorenzetti, hanno incontrato l’Assessore alle Finanze, Attività produttive, Artigianato e Politiche del lavoro, Stefano Aggravi, in merito all’attuale situazione del Casinò.

Confindustria Valle d’Aosta si è fatta portavoce degli interessi delle aziende valdostane che vantano importanti crediti nei confronti del Casinò e del Grand Hotel Billia. La scelta è maturata dopo diversi incontri in associazione volti a mappare lo stato dell’arte da cui è emerso il preoccupante quadro creditizio che è stato delineato all’Assessore.

Da parte sua l’Assessore Aggravi ha espresso vicinanza al mondo dell’imprenditoria rappresentato da Confindustria Valle d’Aosta e si è impegnato ad analizzare la situazione portando a chi di dovere le richieste formulate.

Al termine della riunione il Presidente di Confindustria Valle d’Aosta, Giachino, ha dichiarato: «Oggi abbiamo portato a conoscenza della Regione il disagio in cui vivono molte aziende valdostane. Siamo fiduciosi che l’incontro odierno, primo di altri, potrà portare in tempi brevi per le nostre aziende associate la soluzione del problema»
L’Assessore Aggravi ha, inoltre, aggiunto «ho molto apprezzato la volontà da parte dei vertici di Confindustria di condividere con me le preoccupazioni che sono emerse in questa delicatissima fase. L’imprenditoria valdostana rappresenta una risorsa che deve essere valorizzata ed incentivata, per questo motivo saranno prese in considerazione le opzioni che consentiranno di tutelare i creditori a vario titolo dell’azienda, in un’ottica di leale collaborazione e condivisione».

Il Presidente Giachino, infine, ha comunicato che Confindustria Valle d’Aosta è a disposizione anche delle aziende non associate per portare sul tavolo dell’Assessore la loro posizione di creditori nei confronti del Casinò e del Billia; gli interessati potranno, pertanto, rivolgersi direttamente agli uffici dell’Associazione.
 

© ImpresaVda Template by Netbe siti web