6 maggio 2012

Babel: Tempo di Imprenditori-Innovatori

Da sinistra Massimo Lévêque, Gioachino Tommaselli, Luigi Bedin e Arnaldo Colasanti
Come anticipato, ieri mattina, presso la Casa di Babel in Piazza Chanoux ad Aosta, ho assistito al workshop dal titolo «Libertà d’impresa: criticità e prospettive», organizzato dalla Chambre Valdôtaine.

Leggere modifiche al panel, come sempre magistralmente gestito dal giornalista Arnaldo Colasanti, talvolta perfino troppo a suo agio sul palco, al posto di Luca Capula, Amministratore Delegato della GPS Standard di Arnad, il responsabile Gioachino Tommasellli,  e, invece, di Ivano Vuillermin, titolare della Vuillermin Gualtiero di Verrès, il dirigente Luigi Bedin. Al suo posto invece l'economista Massimo Lévêque. I lavori sono stati aperti dal Presidente della Chambre Nicola Rosset.
 
Una prima premessa. Pochi gli imprenditori tra il pubblico. La mia impressione (condivisa anche da altri operatori del settore) è che l'imprenditore non sia interessato ad ascoltare altre esperienze di impresa. O per lo meno non lo ritenga un modo utile per occupare il proprio tempo. «Da noi è diverso». E' il leit-motif che giustifica l'assenza a certi eventi. Il risultato è che se si vive troppo a lungo rinchiusi nel proprio mondo prima o poi finirò l'ossigeno. Provate a non cambiare mai l'acqua ad un pesciolino rosso.
 
Scritto questo provo ad offrire qualche flash per chi non c'era.
 
Tommaselli:
 
«Lavorando in un settore non caratterizzato da grandi volumi dobbiamo per forza mettere molto valore aggiunto in ogni prodotto».
 
«L'internazionalizzazione ci permette di compensare la momentanea crisi del mercato italiano».
 
Lévêque:
 
«Il motore dello sviluppo è l'imprenditore-innovatore (Shumpeter)».
 
«Il vero rischio non è la Cina. Il vero rischio è là dove non c'è un'ecosistema favorevole alle imprese. Il paese deve diventare capace di riassecondare i processi produttivi. Le nostre università sono in fondo alle classifiche mondiali non per la didattica, ma per la ricerca».
 
«La Cina non è di certo un esempio di libertà di impresa, ma è una grande opportunità per l'Occidente. Purtroppo le Pmi hanno difficoltà a raggiungerla. Innovazione e internazionalizzazione: un aiutino da parte dello Stato ci vorrebbe».
 
«Aprire un'attività è una cosa difficile. Far fronte ad una assunzione, ottenere credito, il patrimonio, il rischio professionale non sono concetti insegnati nelle nostre scuole. Pensate che nei nostri istituti da pochi anni non si studia più la stenografia. Aprire una Srl con un euro? Ma poi chi ti dà credito?».
 
Tommaselli e Bedin all'unisono pur operando in settori molto differenti
«In Valle d'Aosta si fatica a trovare manodopera qualificata».
 
Bedin che lavora sostanzialmente un materiale molto povero ma anche molto prezioso:
«la scommessa di rigenerarsi continuamente pur proponendo la stessa minestra. Significa lavorare sugli spessori. Rinforzare il nostro materiale con il carbonio. Creare con una retroilluminazione a led. Alla fine ogni volta si finisce per creare dei pezzi unici. Difficile perciò essere copiati dai cinesi. E' ovvio che tutto questo richiede molta fatica. Molto tempo da investire nella sperimentazione».
 
Bedin merita il premio per l'aneddotto più amarcord:
«Gualtiero Vuillermin, il nostro fondatore, faceva il segretario comunale. Un giorno per un'esigenza famigliare doveva rifare il piano del comò. Decise di farlo in marmo. Si informò su come tagliare la pietra e gli piacque così tanto che la pietra divenne la sua vita. Di certo nel 1951 per aprire l'attività non incontrò particolari problemi burocratici».

1 commenti:

Fabrizio Favre on 6 maggio 2012 23:24 ha detto...

Riporto sul blog un commento, lasciato su facebook, in merito a questo post dell'imprenditore Andrea Cappellari (Mavitec). Spero che altri imprenditori vogliano intervenire.


Avrei partecipato molto volentieri all'incontro se non fossi stato in toscana per lavoro. Il parere di altri imprenditori è per me sempre molto gradito, però ho la sensazione che in Valle d'Aosta gli imprenditori sono sempre abbastanza riluttanti al confronto diretto e ancora di più sono riluttanti alla coesione! Qualche perplessità ce l'ho anche in merito all'idea di innovazione che mi è sembrato di capire, se non finanziata dalla regione, sembra non essere valida!!!
Personalmente ho sempre apprezzato il motto: "l'unione fa la forza", ma questa unione ho dovuto cercarla fuori Valle, perché le poche volte che si è provato a fare qualcosa in Valle è sfumato tutto molto velocemente forse perché ognuno pensava troppo al proprio interesse diretto!
Mi riferisco per lo più a chi come me offre servizi per le aziende di produzione.
Soprattutto il primo anno ho partecipato con molto entusiasmo ad alcune tavole rotonde, ma non si può nemmeno dire che non si è arrivati ad una conclusione... perché nemmeno si è riuscito ad arrivare ad una partenza! Difficile trovare punti di incontro tra chi come me voleva fare innovazione.
Non per questo mi sono perso d'animo e abbandonato l'innovazione, anzi!!!
Con partner di Torino, di Campobasso e altre zone d'Italia abbiamo sviluppato molti sistemi innovativi e adesso le prospettive di lavoro sono ottime.
Avrei gradito riuscire a trovare qualcosa di simile anche in Valle, ma forse quella che tutti chiamano "crisi" non riguarda ancora la nostra piccola regione, almeno per quello che concerne il settore che copre la mia azienda; altrimenti non si giustificherebbe perché non si riesce nemmeno a trovare personale (qualificato) da assumere.

Concludo: ben vengano le altre esperienze di impresa.
Ben venga chi come "impresa vda" aiuti a divulgare tali esperienze!
Ben vengano quei "pochi ma buoni" imprenditori che ancora hanno voglia di divulgare piccoli ma utili insegnamenti.
A mio parere sono addirittura troppo poche le possibilità che ad oggi abbiamo per confrontarci!
Anche se siamo una piccola regione mi sembra che i "case histories" di successo non manchino. Io comunque tendo sempre molto volentieri un orecchio anche oltre ai nostri confini regionali! Regioni come il Veneto possono insegnare molto sulle strutture alle aziende!

 

© ImpresaVda Template by Netbe siti web