26 ottobre 2013

Le organizzazioni imprenditoriali incontrano i parlamentari valdostani

Il Senatore Albert Lanièce e il deputato Rudy Marguerettaz
Su iniziativa di Confcommercio Imprese per l’Italia della Valle d’Aosta le organizzazioni imprenditoriali incontreranno lunedì 28 ottobre, alle 11, presso la sede centrale dell’Union Valdôtaine, i Parlamentari valdostani, il senatore Albert Lanièce e il deputato Rudy Marguerettaz.

«Dalla legge di stabilità del Governo Letta - ha spiegato Pier Antonio Genestrone, Presidente di Confcommercio e vice president di Rete Imprese Valle d’Aosta - ci aspettavamo molto di più; l’irrilevante taglio delle tasse nel triennio viene totalmente assorbito, in termini di potere d’acquisto dall’aumento Iva. La delusione è forte perché ancora una volta il Governo non ha saputo dare risposte concrete alle attese del terziario e dei consumatori. Ridurre il tasso della pressione fiscale dal 44,3% al 43,3% in tre anni è poca cosa soprattutto se si considera che la vigilia del varo è stata foriera di grandi promesse. Non c’è stata  la svolta che chiedevamo così come non c’è stato il più volte promesso taglio alla spesa pubblica. Per questo vogliamo incontrare i Parlamentari valdostani, e li ringraziamo per aver accolto la nostra richiesta, per valutare le possibili azioni tese ad una concreta riduzione della pressione fiscale in fase di dibattito della Legge di Stabilità nelle due Camere del Parlamento». 

3 commenti:

giancarlo borluzzi ha detto...

"Parlamentari valdostani" è un termine ambiguo, è accettabile solo se inteso quale abbreviazione di "parlamentari eletti in Valle d'Aosta". Il termine sintetico può essere ritenuto funzionale alla finzione localista di unici interlocutori del governo su questioni legate a tematiche che invece richiedono una mentalità oggettiva, non partigiana come peculiare nell'agire di chi è iscritto all'UV o del maestro di scuola elementare che fa parte della coppia solo perché ha stabilito di essere portatore delle istanze rossonere. Il carattere carnascialesco del definire la Valle una minoranza etnica e linguistica, capolavoro iniziale a Roma dei nostri due rappresentanti dell'UV, indica una posizione di bottega, giammai confondibile con quella dei costituzionalisti che opereranno per contrastare nelle sedi opportune l'improponibile principio dell'intesa Stato-VdA per ogni modifica statutaria, pseudo principio per non far mutare nulla di quanto indispensabile all'UV ma allineato all'integralismo, all'anacronismo e al contrapporsi al buon senso comune. Che poi organizzazioni valdostane vadano a incontrare i due rappresentanti dell'UV a Roma proprio nella sede dell'UV aostana, come Favre ci informa, è indicativo.

Fabrizio Favre on 27 ottobre 2013 19:48 ha detto...

Avessi scritto i parlamentari "della Valle d'Aosta" avrei quasi potuto darle ragione ma mettendo "parlamentari valdostani" mi sembra chiaro cosa intendo scrivere. Anche nelle altre regioni le associazioni di categoria incontrano i parlamentari eletti nella loro regione. Non mi sembra una bestialità così enorme.

giancarlo borluzzi ha detto...

Non li incontrano in sedi smaccatamente di parte. Ho comunque ammesso che la terminologia era di duplice interpretazione.

 

© ImpresaVda Template by Netbe siti web